Giorgio Faletti – Niente di vero tranne gli occhi

Adesso soltanto adesso che il mio sguardo sposa il mare faccio a pezzi quel silenzio che mi vieta di sognare file di alberi maestri e mille e mille nodi marinari e tracce di serpenti freddi ed indolenti con il loro innaturale andare e le linee sulla luna che nel palmo ognuna è un posto da … Leggi tutto Giorgio Faletti – Niente di vero tranne gli occhi

Haruki Murakami – La ragazza dello Sputnik

[...] - Allora, avevi bisogno di qualcosa? - Sì, c’era una cosa che volevo chiederti. È per questo che ti ho chiamato, disse Sumire, poi tossì leggermente. - Qual è la differenza tra segno e simbolo? Provai una strana sensazione, come se una processione mi stesse sfilando lentamente dentro la testa. - Scusa, potresti ripetere … Leggi tutto Haruki Murakami – La ragazza dello Sputnik