La battaglia del non scrivere


Nella lunga battaglia dello scrivere ci sono molti ostacoli. Quasi per abitudine si ha nella testa di voler scrivere, scrivere e scrivere ma poi non lo si fa.
Non è così?
Alla fine assumiamo una dose di coraggio e creiamo uno scritto che parla dello scrivere, ma poi niente di realmente creativo. Soltanto un modo per sbloccare gli ingranaggi della fantasia che dopo essersi rimessi leggermente in moto si fermano nuovamente, stanchi e assonnati.
Il nemico numero uno è la mancanza di Costanza, non parlo di mia nonna, ma dell’energia di ripetere la stessa azione in maniera sequenziale.
Troppi eventi non previsti, troppe scuse basate sul tempo e sugli altri, ma mai su noi stessi e la pesante pigrizia che ci comanda. E così tiro fuori ancora un testo del genere.
Noioso?
Retorico?
Banale?
Sì, ma veritiero.
L’unica vera costanza che confermo di avere è quella della procrastinazione degli obiettivi sulla scrittura.
Ci sono tante altre cose che prendono il sopravvento e acquisiscono priorità più elevata, portando via le ore.
La conclusione?
Con una domanda: desidero realmente scrivere?

La risposta continua ad essere sì, anche se in pratica non lo faccio. Ma se ho il tarlo della scrittura che martella i pensieri significa che il desiderio di scrivere c’è ed è forte e consistente.
Altresì sono forti e consisenti anche le ragioni per cui rimango bloccato. E così si prosegue per un loop infinito, o quasi.

Anche tu sei coinvolto in questa lotta?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...